6 maggio – Giornata Mondiale del colore

pittura ecologicagiornata mondiale colore
Nella giornata mondiale del colore Oikos ha in serbo una sorpresa speciale!
Il 6 maggio è la Giornata Mondiale del Colore, una data che Oikos la pittura ecologica sente molto. Una giornata dedicata ai bambini in cui si evidenzia come i colori siano il sale della vita e portino allegria e buon umore.
Oikos dal 1984 crede nel potere del colore, nella sua capacità di influenzare i nostri stati d’animo e contribuire al nostro benessere psico-fisico.
Come celebrare una giornata tanto importante quindi? Lasciando la parola a sette esperte che esprimano, ognuna a proprio modo, quanto il colore sia importante nelle nostre vite e quanto possa diventare un modo per portare gioia e benessere nel quotidiano.

Per la giornata del 6 maggio interverranno: 

Claudia Bonollo, Head Designer, Colour Consultant e Art Director presso Monamour Natural Design
Elisabetta Gozzo, full professor presso Accademia di Belle Arti di Brera
Ernesta Caviola, architetto e fotografo
Giada Geminiani, Design Associate presso Studio THDP
Marzia Mazzi, fondatrice di Spazio Umano
Valentina Piscitelli, fondatrice di Costruttori di Immagine
Vicky Syriopoulou, Color Designer & Color Coach presso Oikos SpA

Molto contenta di partecipare in questo evento al femminile sul colore! Grazie Vicky Syriopoulou
Evviva la giornata mondiale del colore!
Per chi volesse vederlo, il mio video, Paesaggi Interiori, è il quinto ritratto femminile sul tema del colore…

Qui il link:
https://youtu.be/ht4GL2_un_w

Buona visione!
PAESAGGI INTERIORI – Claudia Bonollo

Feliz día de San Jordi

23 de Abril

¡Feliz día de San Jorge!

rosas y libros

Que yo, llamo la nada a este vasto universo,
excepto, tú, mi Rosa, que eres todo en mi arte.
William Shakespeare

Fue el tiempo que pasaste con tu rosa lo que la hizo tan importante.
Antoine de Saint-Exupéry

Rosae, rosarum, rosis – Lightbox – Claudia Bonollo

Regalar rosas rojas es símbolo de amor, apasionado según el color que elegimos y regalar otras flores tiene un significado y un lenguaje preciso.

La tradición de enviar flores se estableció en Europa durante la Época Victoriana, cuando prácticamente la única forma permitida de expresar sentimientos eran las flores. De esta forma, las flores se convertirían en el mejor vehículo para decir a alguien lo que se sentía, convirtiendo los ramos de flores en un verdadero cóctel de formas y colores que transmitían diferentes mensajes.

Cosmos con Rosas, Claudia Bonollo para Monamour Natural Design

cuadro circular con rosas rojas y líquenes con marco de acero lacado – Claudia Bonollo para Monamour Natural Design

¿Cómo surgieron las rosas?

Según la mitología griega estas hermosas flores surgieron a manos de Cibeles, diosa de la madre tierra. Esto ocurrió debido a que Cibeles quería vengarse de la diosa Afrodita, y que mejor forma para hacerlo que creando una flor que pudiera competir con la belleza de ella.  Desde entonces esta flor fue consagrada a la diosa Afrodita.

Otra versión de la mitología griega sobre el surgimiento de esta flor es que fue creada por Eros, dios de la atracción, a partir de un cabello de Aurora, diosa del alba.

Según la mitología romana, Cupido ocultaba los amoríos de Venus sobornando a Harpócrates, dios del silencio, con una rosa. Para los romanos, esta flor simbolizaba lo secreto y al colgarla en la entrada de una habitación se indicaba que se estaban discutiendo asuntos confidenciales para que nadie pasara. De ahí, la expresión «sub rosa» (bajo la rosa) que significa «en secreto».

Hay otra leyenda en la mitología romana que nos cuenta que la rosa, fue una creación del dios Baco, dios del vino.

En los países rumanos existe una leyenda sobre la aparición de esta hermosa flor. Se narra que una bella princesa tenía como costumbre bañarse en un lago. Un día el sol se percató de ello, y se detuvo durante tres días para admirar la belleza de la dama. Cuando Dios, se dio cuenta del peligro que corría el mundo a causa de la joven, la convirtió en una rosa para que el sol siguiera su camino, y no se afectara el orden del universo. Debido a esta leyenda se dice que por esta razón, las rosas se agachan y se sonrojan cuando el sol las ilumina.

Libros

La Conferencia General de la UNESCO aprobó en noviembre de 1995 la celebración del Día Mundial del Libro y del Derecho de Autor cada 23 de abril.  San Jorge y los libros: dos protagonistas ineludibles en la fecha de hoy. Pero, ¿qué tienen en común?

En primer lugar, un pasado imperfecto: la fiesta parte de un error y el santo, de una fábula. Situar el Día Mundial del Libro el 23 de abril fue un pequeño tropezón de la Unesco por fiarse de Víctor Hugo, que fue el primero en señalar la coincidencia de las muertes de Cervantes y Shakespeare el mismo día del mismo año, cuando, el 23 de abril de 1616, el alcalaíno llevaba un día muerto y a Shakespeare le faltaban once para morirse. Cervantes murió realmente el día 22 y Shakespeare el 23 de abril pero del calendario juliano, lo cual concuerda con el 3 de mayo del calendario gregoriano. El 23 de abril también se conmemora la muerte de San Jorge en el año 303. El día de San Jorge es una festividad importante en muchos lugares del mundo por ser el santo patrón de diversos países como Inglaterra o Portugal (entre otros), al igual que de distintas ciudades y regiones. Por esta coincidencia, en muchas zonas se unen ambas tradiciones.

La leyenda de San Jorge

La leyenda cuenta que uno de sus viajes llevó a Jorge a la ciudad de Silca. La población del lugar se hallaba atemorizada por las terribles acciones de un dragón que se comía el ganado. Cuando se acabaron los animales, los habitantes empezaron a entregar al terrible monstruo una doncella elegida al azar. La bienaventurada llegada de Jorge aconteció en el preciso momento en que la princesa iba a ser entregada, y ante tal situación el soldado luchó contra el dragón logrando darle muerte. Una versión distinta de la Leyenda dorada relata un desenlace diferente: el dragón herido fue atado con el cinturón de la princesa y se convirtió en un animal sumiso que seguía a la joven. En cualquier caso, el resultado fue la conversión a la fe cristiana de la población de Silca gracias a la intervención salvadora de San Jorge. La leyenda de San Jorge guarda un especial parecido con el mito griego de Perseo y Andrómeda: el semidiós encontró a la princesa encadenada a una roca para que sea devorada por Ceto, un monstruo marino enviado por los dioses para castigar la vanidad de la reina. Perseo consiguió matar al monstruo y liberar a la princesa para casarse con ella.

Se entiende que el martirio de San Jorge aconteció en el contexto de Gran Persecución o persecución de Diocleciano, la cual es considerada como la última y más grave persecución a los cristianos en el Imperio romano. Se cuenta que Jorge, ante la matanza, renunció a su condición militar y a sus posesiones para entregarse a la predicación del cristianismo. También se relata que Jorge se negó a acatar las órdenes que le obligaban a ser parte de la persecución y declaró ser cristiano. Por este motivo fue interrogado y torturado para conseguir su apostasía. Se dice que fue atado a un potro, le desgarraron la carne con garfios, fue quemado y le echaron sal a las heridas. Sin embargo, San Jorge no renunció a su fe ante los tormentos. También se cuenta que fue arrastrado por las calles tirado por un caballo, se lo ató a una rueda dentada y se lo sumergió en plomo fundido. Finalmente, fue decapitado delante de las murallas de Nicomedia el 23 de abril de 303.

Nace así la leyenda de San Jorge, el valiente que a lomos de su caballo blanco salvó a una princesa de su fatal destino como víctima de un dragón. Jorge convenció al pueblo para convertirse al cristianismo a cambio de matar a la bestia. Jacobo de la Vorágine, obispo de Génova, incluyó esta historia en ‘La leyenda dorada’, una recopilación de vidas de santos que, gracias a la peripecia del San Jorge se convirtió en uno de los libros más copiados de la época: el saltó a la fama gracias a un libro, y a la vez el libro tuvo una enorme repercusión gracias a la historia de San Jorge. El santo romano se convirtió en el favorito de los europeos y fue el rey Martín I el que, a mediados del siglo XV, declaró a San Jorge “patrón e intercesor de la casa de Aragón”, un siglo después de que Eduardo III lo nombrara patrón de Inglaterra.

MIS LIBROS

CUADERNOS DE VIAJE, Claudia Bonollo

La exposición colectiva “PARTIRE; TORNARE RESTARE” con invitación, describe las experiencias más significativas de los estudios de arquitecturas de italianos en el extranjero con una original selección de maletas-porfolios personalizadas que contienen los objetos más determinantes y simbólicos de sus carreras. Tras haber expuesto esta selección en una de las ediciones de Architects meet in Selinunte y en el Instituto Cervantes de Palermo, la exposición itinerante se expuso también en Roma, en la Casa de la Architectura, dentro de una series de eventos de dos días organizados por el AIAC (Asociación Italiana de Arquitectura y Crítica).

CUADERNOS DE VIAJE, Claudia Bonollo

CUADERNOS CELULARES, Claudia Bonollo

Libros de células transfiguradas, Claudia Bonollo
Libros de células transfiguradas, Claudia Bonollo
  • dimensiones libros: 20 x 20 x 2 cm,
  • técnica: digital sobre soportes diversos

CUADERNOS CELULARES, Claudia Bonollo 2004

  • “Il Libro delle lacune” (El libro de las lagunas), Claudia Bonollo

El libro dibuja una geografía imaginaria de las lagunas de nuestra mente. Es una visión de un paisaje-ausencia, donde la laguna-lacuna se transforma en un espejo, en un olvido  y en un desgarro.

“Il Libro delle lacune” (El libro de las lagunas), Claudia Bonollo
  • dimensiones libro: 17 x 23 x 1 cm,
  • técnica: mixta

Londra El libro se expone por primera vez en  la Galeria UCL (Bartlett School of Architecture).

“Il Libro delle lacune” (El libro de las lagunas), Claudia Bonollo
“Il Libro delle lacune” (El libro de las lagunas), Claudia Bonollo
“Il Libro delle lacune” (El libro de las lagunas), Claudia Bonollo

“Il Libro delle lacune” (El libro de las lagunas), Claudia Bonollo

IL COLORE

IL COLORE di Claudia Bonollo

“Io stesso mi sforzo di ascoltare i colori cosí
come ascoltole pietre o i cieli di Venezia:
come rapporti tra  ondulazioni, vibrazioni…
svincolati da ogni laccio simbolico”
Luigi Nono

 

metabiologieA5e copia
Metabiologia azzurra e arancione, Claudia Bonollo

architetture1O4bis3 copia

Come dice Michel Pastoureau, nel suo prodigioso saggio intitolato “il piccolo libro dei colori”: “ i colori la dicono lunga sulle nostre ambivalenze. Sono dei formidabili rivelatori della nostra mentalità. Vedremo come la religione li abbia posti sotto il suo controllo, cosí come ha fatto con l’amore e la vita privata. Come la scienza abbia detto la sua, sopravanzando la filosofia: onda o corpuscolo? luce o materia? Come anche la política se ne sia impadronita: i rossi e gli azzurri non sono stati sempre quelli che conosciamo… Tutto è retto da un codice non scritto di cui i colori detengono il segreto”.

Il colore, benché poco amato dai filosofi e gli storici, che lo hanno sempre relegato a un secondo piano preferendogli il segno e la linea e il disegno-progetto, è sempre stato uno degli strumenti conoscitivi fondamentali per l’artista, che se ne è servito per orientarsi, per proiettarsi in altre dimensioni, da quella trascendente della dimensione astratta bizantino-medievale alla biologica romantica, fino alle ipotesi multidimensionali e sorprendenti formulate dalla fisica quantistica. Dalle infinite iconografie e dai differenti modi di colorare il mondo, è possibile ripercorrere una storia parallela di metamorfosi della società e ricostruire l’evoluzione delle metafore sul destino dell’uomo.

paesaggio4dgiallo
Il giallo digestivo, Claudia Bonollo

Il colore è un elemento fondamentale del mio lavoro e delle mie ricerche.

Non solo o non tanto il colore pigmento o materia, lo strato cromatico che imbellisce le cose, ma il colore-luce, il colore come elemento primario della visione e della metamorfosi, il colore che rende visibili le cose che ancora non lo sono, il colore soglia sospeso fra mondi diversi e apparentemente inconciliabili, il colore inclassificabile, inapprensibile, impossibile da catalogare.

pianeta1b5
Movimenti rossi e verdi, Claudia Bonollo

Il colore come generatore di spazi e come anatomia dello spirito.

Data la complessità e l’ambivalenza dei colori, ho pensato di trattare il colore come un racconto mitico e una narrazione aperta. Tra le pieghe della complessa storia di un colore, anche i silenzi e i vuoti acquistano un senso nuovo.

Le letture di James Hillman e Henry Corbin mi hanno consentito di recuperare una filosofia del cuore, per entrambi sede della vera imaginatio o himma (capacità retorica immaginativa) che comprende l’azione di meditare, immaginare, progettare, desiderare ardentemente: detto in altre parole, di avere qualcosa nel thymos, che rappresenta simbolicamente la forza vitale, l’anima, il cuore, l’intenzione, il pensiero, il desiderio.

Lo studio di testi legati alle visioni del mondo iraniano, Ib’n Arabi, Sohravardi e soprattutto a Najmoddin Kobrâ, un mistico dell’XI secolo, hanno contribuito a un lavoro artistico ancora più attento ai fenomeni della luce e del colore.

pianeta1b4 copia
Il rosso possibile, Claudia Bonollo – dedicato a Carla Bonollo

Il mundus imaginalis a cui si fa riferimento è l’intermundi descritto dagli studi di Henry Corbin. Si tratta di un mondo intermedio, sospeso tra il celeste e il terreno, in cui tutte le trasfigurazioni sono possibili, le rappresentazioni diventano ierofanie, manifestazioni del sacro. L’immaginario può essere innocuo, l’immaginale non lo è mai.

L’arte gioca un ruolo fondamentale in questa trasformazione personale e non intendo l’arte egocentrica che esplora solo la visione narcisistica del dolore, che diventa pornografia della sofferenza, ma un’arte generosa e più empatica. Un’arte più sensibile e ricettiva, che sia nello stesso tempo, creatrice e creatura. Non può darsi senza la seconda persona, senza il tu, cioè senza l’immagine che gli dà da riflettere, perché è con i suoi stessi occhi e allo stesso tempo con gli occhi dell’altro, che può guardare se stessa. Sarà perché sono una donna, ma per me l’arte è una dimensione concava e ascoltante.

Nel mio attraversamento personale, che è sia teorico che pratico, il colore non è esclusivamente bidimensionale nè solo statico, non è solo una tonalità con cui dipingiamo pareti e superfici, o un piacevole ornamento o un elemento decorativo.

azzurroverticale1
Specchio azzurro, Claudia Bonollo

Condivide una delle qualità più interessanti della metamorfosi, quella di essere una mappa in fieri dalle infinite stratificazioni. Come il cielo, attraverso i movimenti dei venti e delle nuvole genera continuamente delle figure, così la luce-colore plasma lo spazio e gli conferisce una qualità particolare.

Il colore è anche suono, movimento, riverbero, frutto della contrazione/dilatazione della luce, il colore si fa suono è un’esperienza sinestesica totale. Possiede le stesse qualità che siamo abituati ad accordare all’architettura, possiamo anzi spingerci più oltre e affermare che il colore, nella sua essenza, è l’architettura stessa nella sua dimensione più fluida perché rappresenta la nostra cartografia dello spirito, il nostro vibrante paesaggio interiore.

Buona visione!

Claudia Bonollo

nuovo rosa2a-3
Metabiologia rosa, Claudia Bonollo

 

LE METAMORFOSI DEL VERDE

Estratto di CREATIVE INSOMNIA-GREEN NIGHT

Xvarnah, Paesaggio di Gloria XI sec.
Xvarnah, Paesaggio di Gloria XI sec.

L’articolo pubblicato fa parte del progetto “METAMORPHOSIS” che verrà presentato in anteprima a Roma nella Galleria INTERNO 14 dell’AIAC (Associazione Italiana Architettura e Critica) il prossimo 16 maggio, alle ore 18:30

La mostra di Claudia Bonollo composta da 2 installazioni multimediali e una performance audiovisuale in diretta METAMORPHOSIS, che dà il titolo alla mostra, un progetto in collaborazione con l’architetto e artista Andrea Buchner che affronta in modo multidisciplinare il tema della metamorfosi.

Le metamorfosi del veRde

di Carla e Claudia Bonollo

Oggi inauguriamo una nuova rubrica, conversazioni intorno al verde, un colore che sfugge facilmente a una semplice catalogazione, parto subito con la prima domanda: qual’è la prima visione che colleghi al verde, che tra l’altro in spagnolo contiene anche il verbo “ver”, vedere?

Il verde rappresenta il colore della metamorfosi per antonomasia. Se ripercorriamo tutti i vari stati della trasformazione nell’alchimia, dalla nigredo che ascende verso l’albedo e si realizza nella rubedo, troviamo uno stato intermedio: citrinitas o viriditas, il verde appunto. Sto anche pensando alla Tavola di Smeraldo di Ermete Trimegisto, il verde è il colore dell’alchimia da Marsilio Ficino a Heinrich Khunrath fino alla psicologia di Carl Gustav Jung. Nell’evocazione della Tabula Smaragdina, il verde è il colore auratico di una scienza che si saldava al neoplatonismo con una pietra come la serpentinite che abbiamo ammirato in tante architetture toscane di Brunelleschi e Alberti. Per me il verde è indissolubilmente legato alla geografia visionaria e alla visione interiore, e rappresenta l’attraversamento, il passaggio da una condizione intima all’altra, più elevata. Secondo la tradizione esoterica dell’Islam, la visione prende corpo nella terra celeste di Hurqalya, la montagna cosmica che circonda il mondo degli uomini, il luogo in cui Maometto, il sigillo di Allah, riceve dall’arcangelo Gabriele il dettato divino. Sono paesaggi sacri, evocatori di profumi e ierofanie olfattive, dove le presenze spirituali rispondono ai richiami sottili delle essenze. Metaforicamente, la Visio Smaragdina si traduce nel folgorante incontro di ogni cercatore con il proprio doppio divino. Una visione capace di parlare agli occhi come al cuore, alla mente come allo spirito. Penso anche al “sogno verde” di un alchimista padovano Bernardo Trevisano ricordato da Manlio Brusatin nel suo ultimo libro “Verde, storia di un colore”, “Il sogno verde, “veridico” e vero perché contiene verità”, è un sogno in un doppio sogno: nel sonno si sogna di assopirsi e di sognare, quasi un effetto di un’alchemica quintessenza, e si intraprende un viaggio in un Paese di Utopia che porterà a un risveglio né amaro né consolatorio. Il sogno verde ci conduce alla contemplazione in presenza di colori, pietre preziose e perle di un ordine superiore a quello naturale. Il colore meno sognato diventa il colore di un’attività sognante.

Miniatura da un Codice del Livre de la mutation de fortune 1420-1430
Miniatura da un Codice del Livre de la mutation de fortune 1420-1430

Sfogliando il dizionario della lingua italiana Zanichelli, da subito si capisce che è un colore che abbraccia universi contrastanti, al primo posto come colore vivo vitale, al secondo già si introduce il tema della sua essenza prematura, in nuce, un seme che deve crescere, “acerbo”, poi si passa all’immaturità di un colore sospeso, e infine al suo divenire indecente, osceno, e tornano in mente le bevitrici di assenzio con quegli sguardi infernali, o certe chimere mostruose. C’è un quadro che riassume tutti questi significati o è una missione impossibile?

Il verde è da un lato simbolo di speranza, fortuna, natura e libertà, dall’altro viene associato al veleno, al denaro, ai demoni e in epoca più recente ai marziani (di pelle o sangue verde, eredi dei rettili tanto temuti nell’antichità). L’ambivalenza dei suoi significati (del resto comune a tutti gli altri colori) e in parte la sua cattiva reputazione, derivano dalla sua associazione con il Diavolo in epoca tardo-medievale. Si evitava di indossarlo o di utilizzarlo negli stemmi per pura superstizione. Eppure in Egitto era stato il colore della giovinezza e della fecondità, nella Roma antica la statua della divinità della Speranza era verde e verdi erano le foglie che i primi cristiani avevano l’abitudine di posare sotto la testa dei defunti per propiziarne la Salvezza e Redenzione. Schubert lo temeva come una maledizione mentre Virginia Woolf lo adorava. Esiste un legame fra l’instabilità pigmentaria e la sua funzione simbolica? O i progressi della chimica dipendono dalle trasformazioni simboliche? Lo zolfo è verdastro, di un colore sgradevole come la bile, l’assenzio è verde, come molti dei verdi ricavati dall’arsenico e che finivano sulle carte da parati del XIX secolo, che si dice avvelenarono Napoleone in esilio. Brusatin nel suo capitolo sul Grande verde, ci ricorda che “nel Galateo di Monsignor della Casa, che non è un trattato di “buone maniere” ma insegna il modo in cui si possano condividere piacevolmente, pareri, opinioni e giudizi, i colori diventano allo stesso tempo l’abito e l’umore dell’interlocutore”. Collerici, sanguigni, flemmatici e malinconici possono essere temperati con il “sereno dominio” delle umane inclinazioni. I colori soavi del bianco e del verde ben si adattano al flemmatico ma anche al sanguigno a cui conviene accompagnare il rosso al verde. Venere/venerdì/verde diventano gli accordi cromatici della convenienza in termini di qualità, accanto alla verità dei sensi. Il verde, anticamente scelto per designare i giorni feriali, aspira sempre di più a un destino che diventa disegno. Per questa ragione, nel verde dei tavoli da gioco, “les jeux sont faits” il destino è segnato, così come nei campi sportivi, figli dei prati in cui avvenivano i duelli. Il verde diventa il colore del caso, della sorte, del rischio e della fatalità e anche il colore dei soldi. Essendo un colore così complesso e polisemantico, non so se sia possibile riassumere tutti i significati del verde in un solo quadro. Per quanto ne sappia, ci sono tante rappresentazioni come i suoi diversi significati. Forse è possibile individuare dei filoni legati ai suoi momenti di auge e declino. Sto pensando alle minuziose pitture botaniche degli amanuensi, alle varie rappresentazioni di san Giorgio e il Drago, alle creature ritorte e squamate delle vetrate ecclesiastiche, a Jan van Eyck “Ritratto dei coniugi Arnolfini”, a certe rappresentazioni misteriose e metafisiche di Giorgione e di Patinir, fino alle famose mele verdi di Cézanne. Ma l’immagine che trovo più affascinante è la pareidolia scelta da Roger Caillois, Diaspro del Madagascar in La scrittura delle pietre.

Roger Caillois, Diaspro del Madagascar in "La scrittura delle pietre" Torino, Marietti 1986
Roger Caillois, Diaspro del Madagascar in “La scrittura delle pietre” Torino, Marietti 1986

Il verde è anche collegato al tema della libertà, penso al semaforo verde, dove il verde si accende di una luce smeraldina che ti dice “vai, ora puoi andare, via libera”, e un altro viaggio può iniziare. Non è casuale che si è scelto il verde smeraldo?

I semafori, secondo Michel Pastoureau, sono il più evidente esempio di questo legame fra pratiche antiche e nuove forme della sensibilità. Fino al XVIII secolo, il verde non è stato mai pensato come il contrario del rosso. Il rosso aveva altri due contrari: il bianco (fin dalla preistoria) e il blu (dal XII-XIII secolo). È stata la teoria dei colori primari e dei colori complementari che si sviluppa fra il 1750 e il 1850, a spingere a pensare per la prima volta in Occidente, al verde come uno dei contrari del rosso, in quanto suo complementare. Essendo il rosso il colore del pericolo e del divieto, per analogia il verde si trasforma nel secolo XIX nel colore di ciò che è permesso, della via libera se non addirittura della libertà. Assistiamo quindi a una trasformazione radicale della dimensione simbolica del verde che passa da essere considerato il colore del disordine, della trasgressione, di tutto ciò che contravveniva e superava le regole naturali (epoca medievale), diventa grazie ai semafori, il colore dell’autorizzazione e anche della libertà. È anche il colore della luce verde smeraldo che l’uomo di luce della tradizione sufi vede dopo una lunga notte dell’anima.

È un colore anche politico, il verde, come scelta “alternativa”, e qui mi sembra un abbinamento curioso, un ritorno alla natura, il mondo naturale che è sempre esistito finché non lo distruggeremo del tutto, che però vuole rompere la tradizione ed essere ecologico. Che ne pensi?

Il capitello di una colonna greca, dice Vitruvio, che è il fusto di un albero, mantiene in alto un “cappello di piume” quel tanto di memoria verde di fragile bellezza – venustas– che sta accanto alla stabilità – firmitas. Verdi sono le originarie prerogative costruttive in cui la capanna rustica, origine dell’architettura classica del Mediterraneo, diventa con il tempo un ideale illuministico, dove l’uguaglianza sta al quadrato come la fraternità sta al rotondo, mentre la libertà ha ancora una forma poliedrica. È paradossale come il colore ecologico per eccellenza, il verde, che ora si associa immediatamente alla natura, alla proiezione di un altrove mitico e protetto dalle minacce cosmiche, alla capanna ancestrale e materna erede della grotta, sia uno dei colori più difficili da riciclare e anche uno dei più tossici. L’associazione con la natura è relativamente recente, nel medioevo l’acqua e non la terra era verde e il verde, più che rimandare alla sua origine naturale rappresentava piuttosto la sua natura divina, eccezionale o extraterrestre e la missione di custodire o celare un mistero profondo. Il colore degli ecologisti, Grünen, proviene dal mondo nordico e pagano. In Francia diventa invece il colore della burocrazia, ricorda Pastoureau per diventare con il tempo il colore mediano e conciliatore in bilico fra due fazioni differenti. Oggi torna di moda, in modo alterno, prima di tutto come colore politico. Dall’immaginario verde nordeuropeo, irlandese e celtico, proviene il verde della Lega; ci sono poi i Verdi tedeschi ispirati da mitologie che si rifanno alle leggende del misterioso Cavaliere Verde di arturiana memoria. È il colore scelto come garanzia del brand per rappresentare il nuovo valore massimo di bioetica ed è presente un po’ ovunque: dal settore agroalimentare ecologico e della salute al packaging, nelle insegne delle farmacie e negli ospedali, dove viene utilizzata massivamente la sua versione più asettica: per ambulatori, camici e pareti. I sondaggi lo identificano al secondo posto dopo il blu, quale colore preferito in Europa.

Al-Khidr, figura del Corano, Miniatura Moghul, sec. XVIII
Al-Khidr, figura del Corano, Miniatura Moghul, sec. XVIII

Il chakra del cuore è verde, regola le nostre relazioni con gli altri, l’armonia, l’equilibrio e tutte le emozioni umane. Anahata significa “suono non colpito, non danneggiato”, ecco che allora entrano in gioco anche i suoni, le parole. “Verde, que yo te quiero verde”, diceva Lorca, come dargli torto?

Secondo Wittgenstein, il verde si spegne nel nero per risorgere nuovamente dal bianco. Benché sospeso tra positivo e negativo: invidia, avarizia, gelosia, da un lato; e calma, armonia, gioventù, simpatia, naturalezza, amicizia e fiducia dall’altro, il verde è diventato un colore messianico, dice Pastoureau, prova né è che il suo indicatore si sposti sempre più verso il lato positivo. Salverà il mondo, scrive lo studioso francese. Io sono d’accordo con lui, anche se per ragioni diverse.

El pase de diapositivas requiere JavaScript.

  •  CV di Carla Bonollo

Laureata in Lingue e Letterature Straniere a Venezia nel 1995. Nello stesso anno si trasferisce a Londra, dove vive e lavora fino al 2002. Rientra in Italia per seguire un MA in traduzione letteraria dall’inglese a Ca’ Foscari. Ha seguito diversi corsi e seminari di traduzione all’estero e in Italia. Ha tradotto testi nel campo dell’architettura e dell’arte, jingle televisivi, brevi racconti e poesie di autori canadesi. Ha pubblicato due auto-fiction in formato digitale e ha un blog letterario, dedicato alla narrativa, alla poesia, alla reinterpretazione dei classici. Ha partecipato alle CREATIVE INSOMNIA NIGHTS organizzate dall’Atelier Meta-morphic a Madrid. Nel 2013 ha inaugurato una nuova serie, Le Interviste Possibili, spazio creativo riservato al talento in qualsiasi forma si manifesti. In lavorazione un giallo. http://branoalcollo.wordpress.com

  • CV di Claudia Bonollo 

Colour consultant, artista, architetto e ricercatrice, realizza architetture visionarie che nascono da un colore o che cambiano di colore e spazi cellulari, biologici e sensibili che attivano negli spettatori vari stati di benessere. Lauree all’Università Internazionale dell’arte e allo IUAV a Venezia (110/lode). Seminari con Peter Cook (Londra e Berlino) e Bruno Munari (Laboratori Liberatori). Dottorato alla ETSAM di Madrid, dove ottiene il titolo di ricercatrice. Nel 2002 inizia una nuova tappa professionale che prevede collaborazioni con professionisti, studi di architettura, enti e associazioni internazionali e anche psicologi e terapeuti. Fondatrice dell’Atelier Meta-morphic, piattaforma culturale internazionale per l’arte la cultura e la ricerca, è l’ideatrice del progetto CREATIVE INSOMNIA, le prime notti multidisciplinari sul colore.

visio_smaragdina, installazione, Claudia Bonollo
visio_smaragdina, installazione, Claudia Bonollo

Venezia, 7 Maggio 2014                                        

CREATIVE INSOMNIA

CREATIVE INSOMNIA (noches creativas multimedia en el atelier meta-morphic inspiradas en el COLOR)

Claudia Bonollo, artista y arquitecto veneciana con una amplia trayectoria en la investigación sobre el color, es la artífice del proyecto y creadora del concepto CREATIVE INSOMNIA, las primeras noches creativas multimedia sobre el color como punto de partida.

El planteamiento es “iluminar esta noche temática” mediante un conjunto de propuestas creativas y multidisciplinares inspiradas en el COLOR, tema específico y controvertido. Cada noche temática, tendrá como protagonista un color distinto y sus significados intrínsecos. Con el tiempo, el proyecto abarcará todos los colores tanto en sus aspectos cromáticos como en los culturales antropológicos y simbólicos.

En estos happenings nocturnos, lo que se quiere subrayar son los distintos aspectos que se hallan en el color, su infinitud semántica, su inaprensibilidad teórica, su dimensión multifacética aplicable a todos los matices de lo cotidiano… El color ha sido siempre una de las herramientas cognoscitivas fundamentales para el artista, que lo ha utilizado para orientarse, para proyectarse en otra dimensión, desde la dimensión trascendente abstracta bizantina-medieval, la biológica romántica, hasta las hipótesis multidimensionales formuladas por la Física Cuántica. Recurriendo a las infinitas iconografías y diferentes modalidades de colorear el mundo, es posible vislumbrar una historia paralela de metamorfosis y reconstruir la evolución de las metáforas acerca del destino del hombre.

El color no es exclusivamente bidimensional, ni estático, no es sólo una tonalidad o un matiz con el cual pintar paredes y superficies, o un agradable ornamento o únicamente decoración.

Comparte una de las cualidades más interesantes de la metamorfosis, aquella que le lleva a ser un mapa in fieri de infinitas estratificaciones. Como el cielo genera continuamente figuras  a través los movimientos de los vientos y de las nubes, así la luz color imprime en el espacio una cualidad particular. El color es también movimiento, reverberación, fruto de la contracción / dilatación de la luz, y posee las mismas cualidades que otorgamos a la arquitectura. Es más, podemos ir más allá y afirmar que el color, en su esencia, es la arquitectura misma en su dimensión más fluida.

En CREATIVE INSOMNIA no hay ninguna pretensión de exhaustividad, lo que proponemos es, sencillamente, abrir un debate estimulante entre varias disciplinas, en una época muy marcada por la especialización. Y adquirir en un atmósfera cálida y lúdica, una mayor conciencia del color. Lo que nos interesa fomentar es la curiosidad, la creatividad como herramienta y las posibilidades de la experimentación multidisciplinar. Desde una dimensión fragmentaria y aparentemente caótica es posible vislumbrar una narración coral.

La NOCHE CREATIVA se convertirá pronto en un festival abierto al diálogo transversal.

Durante 3 días (mejor dicho 3 noches) la programacción seleccionada se desarrolará  según un palinsesto muy original, compaginando experimentaciones, performances, tertulias e inspiraciones creativas surgidas en torno al color propuesto.

La invitación va dirigida a personas de cualquier ámbito cultural que desarrollen un proyecto interesante sobre el color o sobre unos de sus aspectos simbólicos y culturales (artistas, investigadores, filósofos, músicos, poetas, etcétera) de cualquier edad y procedencia, hasta completar el aforo,  que es limitado.

La próxima CREATIVE INSOMNIA- GREEN NIGHT en formato festival está prevista en abril.

Se confirmarán pronto las fechas definitivas.

IMPORTANTE: Los dossieres  tendrán que llegar entro el 23  de marzo de 2013 (fecha ñímite).

PAISAJES VISIONARIOS (ARQUITECTURAS QUE NACEN DEL COLOR)

Creative Insomnia, Team del Atelier Meta-morphic


Le corps imaginé

INNER LANDSCAPES · METABIOLOGIES · CELLULAR SPACES

Mundo libre

La poesía es la casa del ser.

Il Sentiero della Realizzazione

Scegli di crescere almeno dieci volte al giorno

La rosa primera

Toda vida con su agasajo, su retiro, solaz guerrero

Roccioletti

Arte altra e altrove.

monamourgreendesign

A topnotch WordPress.com site

rosy frojo blog

"fra terra e cielo"

venicebyvenice

Making your journey easier

Clínica del Estrés y Psicología Positiva

NO HAY MEJOR MEDICINA QUE TENER PENSAMIENTOS ALEGRES

Yerakina

Un nome, una garanzia

Branoalcollo's Blog

collana di scritti di Carla Bonollo

Correo del Ram

www.correodelram.com

Modulazione

scritture contemporanee

monamour natural design

ECO & BIOPHILIC DESIGN STUDIO - JARDINES VERTICALES DE DISEÑO - PAISAJES ORGÁNICOS Y SOSTENIBLES PARA INTERIORES Y EXTERIORES - PROYECTOS PERSONALIZADOS

CLAUDIA BONOLLO

ART · ARCHITECTURE · RESEARCH · COLOUR CONSULTANCY · ECO & BIOPHILIC DESIGN

CREATIVE INSOMNIA - ATELIER CROMÁTICO

PLATAFORMA INTERNACIONAL DE INVESTIGACIÓN ARTÍSTICA Y TÉORICA SOBRE EL COLOR

BLOG atelier meta-morphic

PLATAFORMA INTERNACIONAL PARA EL ARTE, LA CULTURA Y LA INVESTIGACIÓN

soundscapes

paisajes sonoros y visuales

diario éxtimo

sólo para íntimos

A %d blogueros les gusta esto: