ASCENSIONE CROMATICA

UNDULNA.

AI piedi ho quattro ali d’alcèdine,
ne ho due per mallèolo, azzurre
e verdi, che per la salsèdine
curvi sanno errori dedurre.

G. D’Annunzio
Gaston Bachelard riconosce chel’immaginazione è la manifestazione più autentica, elevata ed evoluta della creatività:
“L’uomo”, afferma, “è un essere pieno d’immaginazione”.
Egli distingue tale facoltà dalla fantasia. Anche Jung aveva compreso che la fantasia è pura irrealtà, un fantasma, una fugace impressione; l’immaginazione invece è creazione attiva e finalizzata ad uno scopo che si mette in moto allentando la”sorveglianza” del pensare per concetti:
“Chiuso a sera il laboratorio, […] torna a casa e si siede davanti al fuoco, e li, la testa appoggiata alle mani, i gomiti puntati sulle ginocchia, nell’ ‘observation hypnotisée’ della fiamma, ritrova le antichissime valorizzazioni. […] incomincia, – ricomincia – a sognare; la sua coscienza, non è più controllata dalla ragione, scivola a recuperare le rêverie primitive della fiamma. Da sotto lo scienziato riemerge l’alchimista”.
Nell’abbandono al flusso di coscienza, la rêverie è un fenomeno troppo utile all’equilibrio: uno stato psichico in cui “il sognatore conosce il cogito nascente” come “varco che mette in comunicazione il mondo notturno con il modo diurno, la tenue fascia in cui i due mondi sfumano l’uno nell’altro […] l’alba della coscienza e del contatto con la realtà”. E’ questo il momento in cui si realizza “la dimensione più autentica dell’esercizio concreto dell’immaginazione”. La rêverie, dunque: una condizione dove “il materiale viene prodotto in uno stato di veglia della coscienza”. Se nel sogno è il mondo a sognare, solo nella rêverie chi sogna è veramente un sognatore.
ascensione
Ascensione I, Claudia Bonollo
ascensione1
Ascensione II, Claudia Bonollo
ascensione2
Ascensione III, Claudia Bonollo
ascensione3
Ascensione IV, Claudia Bonollo

Dedicato a Rosy B.

” Ti cercherò nel paese dove non si muore mai là forse ti sei rifugiata. O alla foce dei fiumi dove regna l’immortale, là forse hai trovato riposo – in un tuffo di rondini ai mattini nelle strade sulle tracce dei segni che hai lasciato nelle stelle sulla più amata. Ti cercherò in tutti i cieli della terra nel mare – e là forse al passaggio più stretto là ti troverò “.

Carla Cantini, La strada della betulla, Chi ci ha preceduti ci darà le ali.

Roccioletti

Arte altra e altrove.

monamourgreendesign

A topnotch WordPress.com site

rosy frojo blog

"fra terra e cielo"

venicebyvenice

Making your journey easier

Clínica del Estrés y Psicología Positiva

NO HAY MEJOR MEDICINA QUE TENER PENSAMIENTOS ALEGRES

Yerakina

Un nome, una garanzia

Branoalcollo's Blog

collana di scritti di Carla Bonollo

Correo del Ram

www.correodelram.com

Modulazione

scritture contemporanee

MONAMOUR NATURAL DESIGN

ESTUDIO DE PAISAJISMO PARA INTERIORES - ECO & BIOPHILIC DESIGN - JARDINES VERTICALES DE DISEÑO

CLAUDIA BONOLLO

ART · ARCHITECTURE · RESEARCH · COLOUR CONSULTANCY · ECO & BIOPHILIC DESIGN

CREATIVE INSOMNIA - ATELIER CROMÁTICO

PLATAFORMA DE INVESTIGACIÓN ARTÍSTICA Y TÉORICA SOBRE EL COLOR

BLOG atelier meta-morphic

PLATAFORMA INTERNACIONAL PARA EL ARTE, LA CULTURA Y LA INVESTIGACIÓN

soundscapes

paisajes sonoros y visuales

diario éxtimo

sólo para íntimos

La Teoria delle Ombre

On Light, radio static, random noise, silence and Other High Frequency Phenomena

MADATAC

Muestra de Arte Digital Audiovisual y Tecnologías Contemporáneas | MADATAC 04 de 10 a 16 de diciembre de 2012

poesieinformadidiario

"Luoghi, personaggi ed emozioni sono intenzionalmente veri"

A %d blogueros les gusta esto: